Categorie
Poesie Romane

L’0R0L0GGIO BIOLOGGICO

L’orologgio biologgico è na cosa
che se mette in funzione quanno nasci,
continua a ticchettà mentre che cresci
e nun ce stà un momento che riposa.

Continua a funzionà per anni ed anni:
è sempre in moto e nun se ferma mai,
se regola sull’anni che tu ciai
e sembra sempre che nun faccia danni.

Categorie
Poesie Romane

ER NIDO

Tutti li mesi, nun lo so perché
mi moje sposta ‘gni mobbile
che c’èe la camicia che tenevo qua
lei l’ha spostata e chi lo sa ndo sta.
‘n dottore m’ha detto: “ E’ naturale,
sente l’istinto di nidificare
“Ma er nido noi l’avemo fatto già
e tre fij so’ nati proprio qua:
co st’esperienza, quello ch’ho pensato:
“ è er nido è fatto e puro collaudato.

“ Giacomo 2020

Categorie
Poesie Romane

ER CAPO DIVISIONE

Ciò ‘n capodivisione ch’é ‘n portento:
pe’ complicà le cose è fatto apposta;
è ‘n omo bravo, ne vorebbe cento:
de core è bono…ma de coccia tosta.

Categorie
Poesie Romane

Er capufficio

Er capufficio nostro è la persona
de sto monno la mejo che ce sia:
nun te rompe le scatole, è alla bbona
e nun se fà pija da l’albaggia;

Categorie
Poesie Romane

Filosofanno

Sto monno a noi ce pare così granne
da senticcese stabili e sicuri;
quant’è vario si l’occhio ce se spanne…
ma a guarda l’universo te spauri:

Categorie
Poesie Romane

A MI MOJE

Pe cinquantaquttranni semo stati
tutte le notti sempre abbraccicati
poi doppo, a giorno,ed a quarsiasi ora
erimo in due, però ‘na cosa sola.

Categorie
Poesie Romane

MI FIO

La sera,quanno torno
doppo avé lavorato,
trovo er pupetto bionno
più bello del creato;
se regge appena, appena,
nimmanco sa parlà,
ma si me core incontro
sillabbanno pa..pà,
que ie braccine tese,
que le silabbe sole,
me danno ‘n friccicore
che nun ve so spiegà.

Categorie
Poesie Romane

LA POESIA

La poesia
è musica a parole:
senso,
ritmo,
melodia,
se fanno tutti insieme compagnia.

Categorie
Poesie della tuscia

QUE’ EDE’ L’ITALIA, QUE’ SO’ L’ITALIANI….

L’ italia nostra è sempre questachi:
dona a’ li ricchi e leva a’ li poracci,
li ricchi fanno sempre più quatri’,
li poverelli vanno sempre a stracci.
è generosa co li delinguenti
e co’ l’onesti invece édè tirata;
a loro le fa tanti complimenti
e l’onestà édeè sempre tartassata.

Categorie
Poesie della tuscia

A NERONE

Poesia di Vittorio Lorenzoni

Portavi il nome, tristemente noto,

di quell’imperatore ormai famoso

che un giorno pe pazzia o pe lo gioco

distrusse Roma antica co lo foco!

Nessuna sa da dove eri venuto,

però da un vile certo abbandonato;

ti dissero “ Nerò “ perch’eri nero

ma dentro al petto c’evi un cuore d’oro!