Categorie
Poesie della tuscia

Felicità

Poesia del 2005

di Ilaria Anselmi (9 anni nel 2005)

Mi ricordo ancora

quando mi addormentavo

tra le tue braccia,

mamma,

braccia che come la seta

mi cullavano dolcemente!

la mia testolina piccola e innocente

si appoggiava sul tuo seno

morbido come il velluto.

Categorie
Poesie della tuscia

L0 MALE DE LI BOCCHI

Poesia di Ezio Bruzziches

Ottobre 2005

Da quanno che sto monno è popolato,
esiste un male che un se po’ guarì,
gnesciuna medecina l’ha curato,
lo chiamono lo male da quatrì.

Li sintomi sò guasi sempre uguale,
chi ce l’ha un po’ più forte e chi più lieve,
c’e chi se sente solo un po’ de male,
chi invece ce se fa pià la freve.

Categorie
Poesie della tuscia

La donna

(Com’era… com’e)

Poesia di Vittorio Lorenzoni

Fonte Terra Nostra Ottobre 2005

Quello che sto pe’ di nun è un processo

né tanto meno dò la croce addosso,

ma solo riccontà, si m’è permesso,

la donna come era e com’è adesso!

Erano quelli tempi de migragna,

e pe la doima nun era ‘na cuccagna,

Categorie
Poesie della tuscia

LO TONOBBELE!!

(l’automobile)

Poesia di Vittorio Lorenzoni

Articolo ripreso da Terra Nostra Aprile 2005

Che belli tempi quanno il “quattro-rote”

Sse lo potea compra solo lo pate,

invece mò, col fatto dele rate,

ce l’hanno sia lo fijo che la mate,

lo nonno, lo bisnonno e lo nepote!

L’idea de lo motore fu felice,

ce vai luntano e curri più veloce,

ma adesso ce n’e troppe e me dispiace

nun c’è tranquillità, nun c’è più pace!

Se da Majano o da la Paradisa

Categorie
Poesie Romane

MATINATA D’INVERNO

E’ l’alba,

a la fermata

t’aspetta l’operaio l’autobusse.

na donna incappottata

s’aggiusta  intorno ar collo la scialletta,

Categorie
Poesie della tuscia

LO VIAGRA.

Poesia di Vittorio Lorenzoni

2007

Da un po de tempo sento parlà spesso

d’un ritrovato messo in giro adesso

e pare sia davvero un gran successo

pe chi sta messo male co’ lo sesso!

Edè na pasticchetta ma, nun se sa come

è uguale a mette l’ojo lì lo lume,

Categorie
Poesie Romane

ER BETTOLINO DE NA VORTA

Io me ricordo, ancora regazzetto:

Quanno che dar lavoro se tornava

la sera s’annava ar bettolino

pe scolà‘n litro e fa na chiacchierata.

De solito, la gente che ciannava,

Ereno quelli de ‘na certa età

Che doppo na giornata de fatica

ciannaveno, magari pe’ scordà.

Categorie
Poesie Romane

LA CECALA D’OGGI

Poesia di Trilussa

Unacecala, chepijavaer fresco

all’ombra der grispignoe del’ortica,

pe da la cojonella a ‘na formica

cantò‘sto ritornello romanesco:

– Fiore de pane

Categorie
Poesie Romane

LI CONSULENTI

Duemila e quattordici
so’ tutt i consulenti
che servono ar governo
pe’ governacce genti.

Questo è ‘n governo serio
che pe’ ben governà
s’appoggia ai consulenti
pe’ nun poté sbaja.

Categorie
Poesie Romane

ER TRICOLORE NOVO

Si Peppe Garibaldi
avesse visionato
quello che ‘sti balordi
mò cianno decretato!