Categorie
Poesie Romane

MATINATA D’INVERNO

E’ l’alba,

a la fermata

t’aspetta l’operaio l’autobusse.

na donna incappottata

s’aggiusta  intorno ar collo la scialletta,

Categorie
Poesie della tuscia

LO VIAGRA.

Poesia di Vittorio Lorenzoni

2007

Da un po de tempo sento parlà spesso

d’un ritrovato messo in giro adesso

e pare sia davvero un gran successo

pe chi sta messo male co’ lo sesso!

Edè na pasticchetta ma, nun se sa come

è uguale a mette l’ojo lì lo lume,

Categorie
Poesie Romane

ER BETTOLINO DE NA VORTA

Io me ricordo, ancora regazzetto:

Quanno che dar lavoro se tornava

la sera s’annava ar bettolino

pe scolà‘n litro e fa na chiacchierata.

De solito, la gente che ciannava,

Ereno quelli de ‘na certa età

Che doppo na giornata de fatica

ciannaveno, magari pe’ scordà.

Categorie
Poesie Romane

LA CECALA D’OGGI

Poesia di Trilussa

Unacecala, chepijavaer fresco

all’ombra der grispignoe del’ortica,

pe da la cojonella a ‘na formica

cantò‘sto ritornello romanesco:

– Fiore de pane

Categorie
Poesie Romane

LI CONSULENTI

Duemila e quattordici
so’ tutt i consulenti
che servono ar governo
pe’ governacce genti.

Questo è ‘n governo serio
che pe’ ben governà
s’appoggia ai consulenti
pe’ nun poté sbaja.

Categorie
Poesie Romane

ER TRICOLORE NOVO

Si Peppe Garibaldi
avesse visionato
quello che ‘sti balordi
mò cianno decretato!

Categorie
Poesie Romane

ASSONANZE

La lingua ingrese nun m’è mai piaciuta
Che se scrive diversa dar parlato;
mò va de moda, invece, ‘sta fottuta
e a chi je piace ha da morì ammazzato.

Io, vabbe, lo capisco, so ignorante,
de coccia tosta e scarso de cervello
ma de parole ce ne stanno tante
che te fanno ammattì come ‘n pivello.

Categorie
Poesie Romane

BENEDETTO FACEBOOK

Su facebook tu ce trovi tanta gente
Tutta ammischiata ch’è ‘na lotteria:
c’è quella brava, bona e intelliggentee
quella da cui è mejo scappà via

A quelle matte è mejo nun risponne
manco pe’ dije ciao, pe’ cortesia;
cianno er cervello che je se confonnee
t’accuseno d’ogni porcheria;

Categorie
Poesie Romane

ALL’INPS, CHE TE TRIDICO?

All’INPS cianno ‘n conto negati
vode ventisei mijardi sotto zero
e, pe’ questo, me sembra positivo
de rimedià ‘n pochetto, questo è vero:

Ciavemo ‘n poveraccio, presidente
che l’avemo sfruttato, poveretto
dannoje de stipendio solamente
sessantacinquemila ch’è: pochetto:

Categorie
Poesie Romane

LI CONTI NUN TORNANO

Sto covid diciannove è un assassino
ch’ha ammzzato un mione de persone
si nun rallenta, armeno ‘n pochettino
tra poco morirà ‘n antro mijone

E’ ‘n’influenza strana, però questa:
è nova e, per adesso, nun c’è cura
che la possa fermà; quindi ce resta
d’affrontalla siccome ‘n’avventura.