Categorie
Poesie della tuscia

L0 MALE DE LI BOCCHI

Poesia di Ezio Bruzziches

Ottobre 2005

Da quanno che sto monno è popolato,
esiste un male che un se po’ guarì,
gnesciuna medecina l’ha curato,
lo chiamono lo male da quatrì.

Li sintomi sò guasi sempre uguale,
chi ce l’ha un po’ più forte e chi più lieve,
c’e chi se sente solo un po’ de male,
chi invece ce se fa pià la freve.

Nun c’e legame che po’ essa più stretto,
passa sopra all’amici e a li parenti,
pe tutti te fa perda lo rispetto,
contono solo li possedimenti.

Se fanno cose che nun ce se crede,
nsinente de fenì moriammazzato,
pe li boccacci manco ce se vede,
co quello che una di t’ha generato…

Nun c’e categoria che nun le piace,
lo bocco tira più de lo trattore,
chi nun c’è l’ha nun caccia a dasse pace
e nun lo po’ guarì gnesciun dottore.

Lo bello edè che nun se ne ccorgemo,
pare che antro che l’antri sò malati,
pò si pe caso che nun ce l’avemo,
manco li cà sarinno più rabbiati.

L’avaro saria come lo mbreaco,
che edé ccorato si è vota la boccia,
le basta un po’ de pà colo sarraco,
mala vo’ sempre piena la saccoccia.

Quanno nascemo edé la prima cosa,
che conoscemo co un sbatte d’occhi,
le carte ponno essa verde o rosa,
ma angiá sapemo che sonno li becchi.

Lo Dio quatrino vanta na gran fede,
ce fusse un Santo che ce po’ competa
e nun c’è anama viva che un ce crede
benanche li facessi co la creta.

Ma li malati nun sò tutti uguale,
ne esistono de più de una razza,
c’è chi li spenne e pò fa le cambiale,
chi nun li spenne manco si se mazza.

La scienza ha fatto passi da gigante,
li mali li guarisce guasi tutti,
benanche uno è mezzo agonizzante,
quelli da poco e quelli un po’ più brutti.

Pe quello de li bocchi nun c’è verso,
pe quanto lo dottore ce capisce,
benanche giri tutto l’universo
è un male che gnesciuno lo guarisce.

Ezio Bruzziches

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *