Categorie
Poesie della tuscia

La donna

(Com’era… com’e)

Poesia di Vittorio Lorenzoni

Fonte Terra Nostra Ottobre 2005

Quello che sto pe’ di nun è un processo

né tanto meno dò la croce addosso,

ma solo riccontà, si m’è permesso,

la donna come era e com’è adesso!

Erano quelli tempi de migragna,

e pe la doima nun era ‘na cuccagna,

jutava lo marito là la vigna

e tanti lavoretti de campagna,

a nocchie, poi l’olive e la castagna!

Puliva il pupo pe nun fallo piagna,

a Pasqua spolinava perla ragna,

faceva tutto e senza fa ‘na lagna:

sapessi invece mo’ si quant’è fregna!!!

Prima te la faceva la lansagna,

mo dice nun cia tempo: s’ha da tegna

lo labbro, poi lo piede e pure l’ogna

e su lo petto adà passa la spugna!

A la funtana ava co’ la brocca

filava co’ lo fuso ela cunocchia,

a lena mo nun va più la la macchia,

se scalla col metano e co’ la cocchia!

Sapeva cucina bene |’abbacchio

co` le patate al forno e lo finocchio

adesso se confonne co’ lo specchio

così ste cose te le fa col… cacchio!

‘Na vorta te stirava le camicie

adesso più nun taja e manco cuce

faceva la bucata e mo invece

nun lava panno senza lavatrice!

Co’ lo pignatto gnente più ce coce

mo vò lo microonde ma te dice

stasera nun se magna: nun c’e luce.

Ecco perché l’in casa non c’è pace!

Da fo veniva lui zuppo colente,

ma diventava gaio e sorridente

quanno portava lei tutta fumante

‘na bella spianatora de pulente.

Invece mo che trovi., un’accidente!!!

L’amante prima lo portava a letto

invece mo se cia l’amico SVELTO

poracci noi (chi ce l’avesse detto),

lo usa solo pe’ lava lo piatto!!!

Prima pensava solo a fà li gnocchi,

mo invece come s’ha da tegna l’occhi,

le scarpe basse oppure co’ li tacchi

e fa del tutto pe’ evita li pecchi!

Poitava li guarnelli e la polacca,

adesso li carzoni co’ la giacca,

quanno che fiocca vole la pelliccia,

al mare invece copre poca ciccia!!!

Li piedi un tempo li metteva a mollo

mo da Tiziana va si cià che callo

oppure che rughetta su lo collo

tanto chi paga po’ e lo stesso pollo!

Bailava largo senza fasse stregna,

si ce provavi diventava arcigna,

ma benché allora cefusse più vergogna,

quarcuna anticipava la cicogna!

Sapeva appena appena fà du balli

(poraccio quello che aveva li calli)

adde va invece a scola pe’ mparalli

lo mambo, lo bolero e l’alligalli!

Allora me ricordo era più manza

E la baciavi senza resistenza,

mo curre da Di Pietro ch’e violenza

benché a guardalla solo li la panza!!!

Sentite che te fà la mia compagna

(pare bona.. sapessi si che pigna!)

‘Na sera me gustavo Italia-Spagna

pe’ forza e pe’ defilo vorze stegna

pe’ veda lo romanza che fa piagna.

E che potevo fa: l’evo da nfragna?

L’orno de prima nun c’eva sto’ problema

dormiva solamente col pigiama

mo invece va a finì che gira gira

ce tocca annà a dormi co’ l’armatura

fatta da Coronello de lamiera!

Perché a tocca la moje che nun cià voja

appena sbatti l’occhi pja e taja

e quasi quasi poi vo’ la medaja

come se avesse vencio che battaja!

Ma che |’avranno preso… pe’

FRATTAJA?

Perdoneme ‘sto scherzo, cara donna,

perdona le fregnacce de ‘sta penna,

per te solanto lodi e tanti osanna.

Tu,

da ragazzetta co’ la minigonna,

o co’ la polacchetta de la nonna

per me tu splendi come `na›…

MADONNA!!!

Vittorio Lorenzoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *