Categorie
Poesie della tuscia

LO TONOBBELE!!

(l’automobile)

Poesia di Vittorio Lorenzoni

Articolo ripreso da Terra Nostra Aprile 2005

Che belli tempi quanno il “quattro-rote”

Sse lo potea compra solo lo pate,

invece mò, col fatto dele rate,

ce l’hanno sia lo fijo che la mate,

lo nonno, lo bisnonno e lo nepote!

L’idea de lo motore fu felice,

ce vai luntano e curri più veloce,

ma adesso ce n’e troppe e me dispiace

nun c’è tranquillità, nun c’è più pace!

Se da Majano o da la Paradisa

Devi venire al centro a fa la spesa,

co’ la vettura un lampo e rrivi presto,

ma dopo lo problema e trova posto!

Nun passa giorno che non c’e un divieto

O trovi lo cartello “riservato”:

lo martedi c’è fisso lo mercato,

un di la processione del curato

un altro il funerale de chi è ito!

Se in farmacia tu vai co’ la ricetta

Te metti fuori posto pe’ la fretta

Quann’esci ce la trovi la “pecetta”

“sessantamila” paghi una supposta!

Succede qualche volta che va liscia

E trovi aparcheggià dentro la striscia;

la guardia flnalmente nun te flschia

ma pronto qualche cane te ce piscia!

Sull’auto porella tutti addosso

Come li cani litigano addosso:

c’è da pagà lo bollo e l’assicurazione

‘gni tanto deve fa la revisione!

Un occhio costa la riparazione

(quarantamila pe’ la guarnizione

più dieci se è da stringe lo bullone)

ma in caso che sse buca la marmitta

oppure la frizione che te slitta,

allora la pensiò se ne va tutta!

Adesso cemo pure l’Ausiliario

A controlla chi sgarra co’ l’orario,

ma peggio ancora è l’Appuntato Peppe

quanno te becca che nun fai lo “stoppe”!

Da quanno è diventata obbligatoria

un’antra bella rogna è la cintura:

è esente, come dice la Questura,

chi ha le tette “Settima Misura”!!

Appena che rizzi la mattina

tu senti ch’è aumentata la benzina

e quanto prima ce sara un ritocco

secondo come gira a lo sceicco!

Ma de “sto fatto io nun me lamento,

lo benzinaro mio nun chiede aumento:

da anni che io dico “’Trentamila”

ma ch’è cresciuta nun se fa parola!

Se lì la pompa c’è quello ragazzo

Allora penso: “nun capisce un c…azzo!”

Ma pure in caso ce se trova Gnazio,

non solo nun discute su lo pezzo,

ma addirittura dice “te ringrazzio”!!

pero na cosa proprio nun capisco,

un tempo ce rrivavo giù lo Barco,

adesso appena appena li San Marco!!

Tutto girava allora con lentezza

Ma c’era al monno tanta gentilezza.

Nun so se m’hanno detto ‘na fregnaccia,

ma pare che fra l’asino e la miccia

lui desse sempre a lei laprecedenza

che ricambiava co na riverenza!

Se passi primo adesso ad un incrocio

C’è quello che te dice “brutto frocio”

E quello che se viene sorpassato

Due dita e fa capì che sei “un cornuto!”

C’è poi la storia de la mia patente

De quanno l’ingegnere, “sto fetente,

me chiese “da do’ viene la corrente?”

“da Temi” -io je feci prontamente!

E dopo ‘sta risposta intelligente

Pensai me promovesse lì, all’istante.

Ma invece me rispose solamente:

“riprova fra sei mesi deficiente”!!

Pe’ questo io ve dico li motori

So fatti solo a dacce dispiaceri

E dico pure ch’era mejo ieri

Quanno camminavamo tutti a piedi,

almeno col carretto o la barozza

potevi trova posto in ogni piazza!!!

Vittorio Lorenzoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *