Categorie
Poesie Romane

MATINATA D’INVERNO

E’ l’alba,

a la fermata

t’aspetta l’operaio l’autobusse.

na donna incappottata

s’aggiusta  intorno ar collo la scialletta,

tre regazzetti

te fanno rintronà quarche risata;

Un cane scheletrito

Gira snasanno tutti li cantoni

speranno de trovà bocconi boni,

ma nun li raccapezza

framezzo  a la monnezza.

Fa tanto freddo,

puro

che splendore

quanno che spunta er sole!

Giacomo, 2005

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *