Categorie
Poesie della tuscia

LO VIAGRA.

Poesia di Vittorio Lorenzoni

2007

Da un po de tempo sento parlà spesso

d’un ritrovato messo in giro adesso

e pare sia davvero un gran successo

pe chi sta messo male co’ lo sesso!

Edè na pasticchetta ma, nun se sa come

è uguale a mette l’ojo lì lo lume,

Più d’un marito vedi soddisfatto

come se avesse vincio un terno allotto!

Nun ho capito bbè qual’è l’effetto

ma m’hanno riccontato questo fatto:

ad una donna, qui, de Caprarola

pe sbajp je cascò dentro la pila,

però, da quel momento li spaghetti

nun se coceno più, restanno ritti!

Se prima c’era un poro vecchiarello

che usava lo zipeppe e pappagallo,

da un giorno all’altro lo ritrovi arzillo

addirittura come un ciafregnello!

Tutte le ddì voria cantà da gallo,

la moje nun sa più come parallo:

se vede in strada qualche bella mora

nun solo fa l’occhietto ma sse rigira!

Se invece qualche donna è poco allegra,

nun stigna lo marito a fa la prova

pe’ vede  se viè mejo  col VIAGRA,

ma tanto gira gira lei lo frega

e questa ve lo dico è la manovra!

Macina la pasticca, ‘sta birbona,

finente che diventa fina fina,

così te la ritrovi lì lo piatto

de strozzapreti oppure de risotto!

Vedessi quant’è lesta co’ la mano

quanno che te la mischia al parmigiano,

poi, appena te distrai e sbattil’occhi

la mette tra li pici e lì li gnocchi!

E’ dopo avè saputo de ‘sto fatto

che su mi moje è nato un gran sospetto

in special modo dopo avella vista

che passeggiava co’ la farmacista,

o peggio ancora stamattina presto,

che parlottava col marito Ernesto!

Però la cosa che me fà più rabbia

vedella in giro co’ la fia de Nebbia,

ch’è tutta perbenino e non è grossa,

ma della farmacia è la commessa!

Benché lo so  che viè na bella spesa,

io scanso l’occasiò e co’ ‘na scusa,

me tocca magnà spesso fuori casa:

un giorno dico che la pasta è scotta

e poi du penne me le fa Gioditta,

un antro che sto a dieta  e non ho voja

e faccio colazzio da Bella Gioia

La femmana se sà è capricciosa

ma pure un pochettino lussuriosa

( tu nun fa caso se va spesso in chiesa )

dall’omo nun vò mai restà delusa

Quarcunan pe’ provalla l’emozione

de le pasticche aumenta la porzione

che mano a mano arrivano a sett’otto

finente che il marito fa lo botto

A dì la verità poco me piace

vedemme scritto: “ QUI RIPOSA IN PACE…

L’AMATA MOJE SCONSOLATA POSE….!

Poi te ce scrive pure qualche frase,

qunt’eri bravo e tante belle cose,

ma, de sicuro, questo nun lo dice

TE TROVI LI’ PERCHE’ SBAJO’ LA DOSE!!!

Vittorio Lorenzoni luglio 2007

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *