Categorie
Poesie Romane

ER BETTOLINO DE NA VORTA

Io me ricordo, ancora regazzetto:

Quanno che dar lavoro se tornava

la sera s’annava ar bettolino

pe scolà‘n litro e fa na chiacchierata.

De solito, la gente che ciannava,

Ereno quelli de ‘na certa età

Che doppo na giornata de fatica

ciannaveno, magari pe’ scordà.

Passaveno le ore lì seduti

in mezzo ar fumo ch’arivava ar tetto,

sempre co’l’occhio fisso su quer litro

pe la paura de trovasse a secco.

Appena l’ora tarda era arivata

E bisognava arzasse pe’ partì

nessuno se sentiva cavaliere

de dà la bona notte e annà a dormì.

Allora l’oste che sollecitava,

che se doveva chiude da querdì

se la beccava quarche… biasimata

che certe vorte er vino te fà dì.

Appena usciti fora uno per uno,

Trovato quarche appijo resistente

co’ rabbia s’attaccaveno ner muro,

sembrava l’alluvione de Firenze.

Votato er sacco addosso a quer cantone,

Er corpo se trovava come prima,

e camminanno a stento e pecorone,

s’annava tutti quanti giù in cantina.

Eppuro, la matina, appena giorno,

tutti sur campo se doveva stà,

la sera tardi, se facea ritorno

e doppo cena pronti pe’ firtrà.

Adesso che la bettola è finita

e de ‘sta gente nun ce né più uno,

la sera se va pure a dormì presto.

ma, a lavorà, nun ce va più nessuno.

Autore ignoto  2004

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *