Categorie
Poesie Romane

ALL’INPS, CHE TE TRIDICO?

All’INPS cianno ‘n conto negati
vode ventisei mijardi sotto zero
e, pe’ questo, me sembra positivo
de rimedià ‘n pochetto, questo è vero:

Ciavemo ‘n poveraccio, presidente
che l’avemo sfruttato, poveretto
dannoje de stipendio solamente
sessantacinquemila ch’è: pochetto:

Visti li risurtati, a sto campione,
Tridico, un poveraccio presidente,
nun se poteva perde l’occasione
pe’ pagallo più adeguatamente.

Pe’ nun vedello triste e sconsolato
com’è giusto che fosse, ar poveretto,
lo stipendio je l’hanno raddoppiato
risorvenno er problema in modo netto.

Ma come se poteva nun fa gnente
co’ uno che te tratta i pensionati
come signori e questo è l’evidente:
…..che cianno a tutti quanti cojonati.

Giacomo 2020

Una risposta su “ALL’INPS, CHE TE TRIDICO?”

La descrizione reale dell’attuale sistema INPS e l’ amico Giacomo
ha centrato il problema che
fa sembrare l’ente in argomento al pozzo di san patrizio senza fondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *