Categorie
Poesie Romane

LI CONTI NUN TORNANO

Sto covid diciannove è un assassino
ch’ha ammzzato un mione de persone
si nun rallenta, armeno ‘n pochettino
tra poco morirà ‘n antro mijone

E’ ‘n’influenza strana, però questa:
è nova e, per adesso, nun c’è cura
che la possa fermà; quindi ce resta
d’affrontalla siccome ‘n’avventura.

Però ‘sto covid sembra che raggiona
e conosce pe’ nome i contaggiati:
dai papaveri grossi lui scantona
pe’ corpì solo quelli disgrazziati.

Ce fosse ‘n paperone, ben dotato
o ‘n capo de governo in tutto er monno
ch’è morto doppo essese infettato
co’ sto virus che curà nun ponno.

Sto virus, veramente disgrazziato
Che t’ammazza mijoni de persone
Co’ c erti nun funziona, s’è bloccato
E io arivo a ‘na certa conclusione:

Si ciai li sordi, nun avè paura
Che la cura se trova bene o male.
Per poveraccio, invece, ‘n’antra cura
Che te lo fa morì nell’ospedale.

Giacomo 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *