Categorie
Poesie Romane

Er capufficio

Er capufficio nostro è la persona
de sto monno la mejo che ce sia:
nun te rompe le scatole, è alla bbona
e nun se fà pija da l’albaggia;

è superfluo? Ma qui, a ‘sto Comitato
troppi superflui più de lui ciavemo;
è piromane? Tutto guadagnato,
lui vada avanti e noi lo seguiremo:

pensa che bello, che soddisfazzione
poté da foco a tutti i scartafacci
tanto cari alla nostra Direzione

e incenerì na vorta le poltrone
dove magneno tutti ‘sti cazzacci
che fanno, pe’ mestiere confusione.

Giacomo 1969

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *