Categorie
Poesie Romane

Filosofanno

Sto monno a noi ce pare così granne
da senticcese stabili e sicuri;
quant’è vario si l’occhio ce se spanne…
ma a guarda l’universo te spauri:

consideri che stai su ‘n granellino
che ‘n fa che riggirasse torno torno
viaggianno ne lo spazio, co ‘n puntino,
chiamato Sole, che je fa fa giorno
e si rifletti ‘n po’ sulle grannezze:
tua, de li punti e de lo spazzio
attornola finischi de fa tante stranezze:
nell’universo, tu, nun conti un corno:
t’affanni p’ariva a chissà a che artezze,
mentre sei gnente che se gira intorno.

giacomo1970

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *