Categorie
Poesie Romane

A MI MOJE

Pe cinquantaquttranni semo stati
tutte le notti sempre abbraccicati
poi doppo, a giorno,ed a quarsiasi ora
erimo in due, però ‘na cosa sola.

Quanti dolori avemo sopportati,
ma sempre insieme l’emo superati
e in tutti l’anni de la nostra vita,
tu ce lo sai, che nun t’ho mai tradita,
però ‘na brutta notte, all’improvviso,
tu m’hai lassato p’ annà ner paradiso
e se ‘na favola, vissuta nell’amore,
avrebbe da finì quann’uno more
invece io, da solo, nel lettone,
ciò, ne la testa, tanta confusione
e quello che desidero deppiù
è venì presto lì, ‘ndove stai tu
e come uniti semo stati qui
noi staremmo abbracciati puro lì
lodanno Iddio, creatore per amore,
e che d’amore cià riempito er core.

Giacomo 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *