Categorie
Poesie Romane

MI FIO

La sera,quanno torno
doppo avé lavorato,
trovo er pupetto bionno
più bello del creato;
se regge appena, appena,
nimmanco sa parlà,
ma si me core incontro
sillabbanno pa..pà,
que ie braccine tese,
que le silabbe sole,
me danno ‘n friccicore
che nun ve so spiegà.

Pe lui io so importante
più de quarsiasi re,
ma quanta più importanza
riveste lui pe me:
me scordo dell’affanni,
me passeno le pene
ch’è la più bella cosa
l’esse voluti benee
quanno che ce gioco
e lo spupazzo intorno
è certo che so l’omo
più felice der monno.

Forse ve farà ride
tutto l’orgojo mio
ner mentre che, mostrannolo
pontifico: è mi fio

Però nun me vergogno
sapenno bene che
tutti vojantri padri
rissomijate a me.

Giacomo 1967

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *