Categorie
Poesie della tuscia

QUE’ EDE’ L’ITALIA, QUE’ SO’ L’ITALIANI….

L’ italia nostra è sempre questachi:
dona a’ li ricchi e leva a’ li poracci,
li ricchi fanno sempre più quatri’,
li poverelli vanno sempre a stracci.
è generosa co li delinguenti
e co’ l’onesti invece édè tirata;
a loro le fa tanti complimenti
e l’onestà édeè sempre tartassata.

Che fa sconti de pene come gnénte.
e pene se riduciono a metà.
a la facciaccia de’ le pore gente,
sensa rispetto pe’ l’umanità!
sensa rispetto pe’ chi è stato leso
pe’ corpa de un insetto e delinguente,
che se ritrova doppiamnete offeso
perché a ‘st’insetto….nun le fanno gnénte.
E’ brava ‘sta Giustizia, bell’esempio,
iuta a formà de più la delinguenza,
contribuisce a fa’ aumentà lo scempio
e l’arroganza co’ la prepotenza.
E si per caso un poro tartassato,
che la pacenza ormai l’ha fenita,
se fa giustizia pérché édè ‘rrivato,
allora sì che va in galera a vita—-
que’ édè l’Italia de’ li scarmanati
quelli che so’ mmalati de pallo’,
quelli che de cervello so’ bacati
e ce le vorria solo lo zappo’.
che solo lo zappo’ pe’ certe gente
poria essa un bello ritrovato,
ché po’ a’ le perse si nun giova gnénte,
se le poria da’ pure sun capo….
Nun se po’ concepi’ che pe’ un pallo’.
se ‘mmazza, se distruggee se fa a botte;
li giocatori piono li milio’
e il tifoso, invece l’ossa rotte!

Nun se po’ concepi’ che un polizziotto,
ha da rischià la vita pe’ un pallo’,

che ce po’ riscappa’ pure lo morto….
e po’ nun l’hanno manco compassio’!
Co’tante cose serie da pensa’
l’italia va apensa’ a ‘ste baggianate;
tanti ce ne serinno da loda’
e tanti da pia’ a tortorate….
Co’ tanta gente che nun po’ campa’
e li problemi che so’ sempre a galla.
‘sti deficienti vanno a liteca’
pe’ una partita storta e pe’ una palla!

quant’era mejo quanno che la pansa,
l’’émomo vota insieme a’ la saccoccia.
che adesso, co’ lo be’ che ce se’vvanza,
vota ciavemo solo la capoccia….

que edé l’Italia dell’ostruzionisti,
quelli ‘ttaccati solo a’ lo colore…
de’li politicanti opportunisti,
che solo a’ la poltrona danno amore…
che ‘un fanno gnénte sensa convenienza
e sanno ben gioca’ co’ l’ignoranza,
ché co’ la povertà e la deficienza,
‘sti ‘mpiastri ce se jempino la pansa!
L’Italia de la mala sanità:

piena de buchi peggio de un gruviera
e pe’una prestazzio’ tu ha da’spetta’
sensa straccatte pe’una vita intera!
Po senti di’ ‘gni poco che un dottore,
co’ le ricette farse ha ‘ntrallazzato
e nsème a un farmacista sensa core,
un sacco de milio’ hanno fregato….
e a loro po’ manco le fanno gnente.
so’ sempre li pazienti a rì a paga’
e lo destino de’ le pore gent,
tu sì paziente e tu ha da pazienta’!
que édè l’Italia nostra tanto cara….
sempre scassata e sempre da rifa,’
te lassa sempre co’ la bocca amara
ma que’ è l’italia, che potemo fa’?

Ezio Bruzziches 2006

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *